Your web browser is out of date. For the best experience on Zimmer websites please upgrade to the latest version of Internet Explorer, Chrome, or Firefox.

Zimmer, Inc.

Cosa posso fare per far durare la mia nuova anca?

help-my-replacement-hip-last-banner

Molti fattori determinano la durata di una protesi d’anca, tra cui le condizioni fisiche del paziente, il livello di attività svolto, il peso e la precisione del posizionamento nel corso dell’intervento.  Ma, sebbene non esistano garanzie, i numeri sono incoraggianti. Gli studi rivelano che oltre l’80% di tutte le sostituzioni d’anca nel settore durano almeno 15 anni, e per oltre il 70% la durata è superiore a 20 anni.

I risultati individuali possono variare e dipendono dalle circostanze personali. Proprio come succede con un’anca naturale, è la capacità con la quale i materiali di un’anca artificiale sopportano l’usura dovuta all’uso quotidiano e la rotazione di questa articolazione a determinare la durata della protesi artificiale.

È consigliabile discutere questi aspetti con il medico e vedere come possano influire sul successo e sulla durata della protesi. Come regolare generale bisognerà osservare le seguenti precauzioni:

• Evitare di sollevare ripetutamente grossi pesi

• Evitare di utilizzare eccessivamente le scale

• Mantenere il proprio peso nella norma

• Rimanere in buona salute e in attività

• Evitare le attività sportive ad elevato impatto come il jogging, lo sci e l’aerobica a livello intensivo

• Consultare il medico prima di iniziare qualsiasi nuovo sport o attività

• Riflettere prima di muoversi

• Evitare le attività fisiche che prevedono partenze e arresti bruschi, torsioni o stress da impatto

• Evitare di piegarsi eccessivamente quando si sostiene un peso, ad esempio salendo scale ripide

• Evitare di sollevare o spingere oggetti pesanti

• Evitare di inginocchiarsi

• Evitare di sedersi su sedie o superfici basse

Chirurgia di revisione

Per alcuni pazienti è necessario un secondo impianto di revisione a causa di un allentamento, un trauma, un’infezione o una lussazione cronica. Un problema comune con questi pazienti è la mancanza di osso dovuta a eccessiva sollecitazione dell’impianto o osteolisi causata dall’usura dell’inserto in polietilene.

Bibliografia:

1. Hip Implants [Internet]. American Academy of Orthopaedic Surgeons; ottobre 2007 [citato il 16/11/2011]. Disponibile su:http://orthoinfo.aaos.org/topic.cfm?topic=A00355

Last Updated: 31 January, 2013© 2013 Zimmer, Inc. (owner of site) version 6.0