Your web browser is out of date. For the best experience on Zimmer websites please upgrade to the latest version of Internet Explorer, Chrome, or Firefox.

Zimmer, Inc.

Sistema Instinct™ Java®

Descrizione del prodotto

Il sistema Instinct Java di Zimmer Spine è un dispositivo di viti peduncolari concepito con l'obiettivo di fornire una soluzione versatile con un disegno di comprovata affidabilità per il trattamento di diverse patologie. Le viti sono dotate di filettatura asimmetrica e a configurazione spongiosa, in modo tale da migliorare la fissazione dell'osso corticale e spongioso e la resistenza al pull-out. La presenza di sporgenze rialzate ed incassature sulla testa delle viti serve a fissarle saldamente alla strumentazione e ad offrire svariate opzioni di riduzione. Inoltre, il disegno ottimizzato del bloccaggio limita i rischi di allargamento della testa e di incrocio delle filettature. La solidità del design del sistemaInstinct Java permette ai chirurghi di offrire un trattamento estremamente efficace ai propri pazienti.

 

Caratteristiche

 

Fissazione migliorata

  • Le filettature asimmetriche e a configurazione spongiosa sono state concepite per migliorare la fissazione dell'osso corticale e spongioso e resistere al pull-out;

Profilo ridotto

  • Il sistema Instinct Java è composto da viti di basso profilo, che minimizzano il rischio di compressione delle faccette e l'irritazione dei tessuti molli;

Disegno ottimizzato del bloccaggio

  • Riduce il rischio di allargamento della testa e di incrocio delle filettature;

Strumentazione versatile

  • Grazie a una capacità di riduzione di 20 mm, il dispositivo Alligator Persuader è in grado di trattare la spondilolistesi fino al grado 2;

Efficienza intraoperatoria

  • Alette di taglio aggressive auto-filettanti per una maggior facilità d'inserimento delle viti;
  • Le sporgenze rialzate e le incassature migliorano il collegamento in corrispondenza dell'interfaccia vite/strumento;

Compatibilità integrata

  • Il sistema Instinct Java è compatibile con altri sistemi di Zimmer Spine per facilitare l'esecuzione di interventi complessi.

Indicazioni

I sistemi di fissazione spinale Instinct sono progettati per interventi di fissazione spinale posteriore.

I sistemi di fissazione spinale Instinct sono indicati per la correzione temporanea e la stabilizzazione del tratto della colonna vertebrale compreso tra le vertebre toraciche e l'osso sacro fino al raggiungimento della fusione, che generalmente avviene entro 6-12 mesi.

Una volta raggiunta la fusione, i sistemi di fissazione spinale Instinct vanno rimossi tenendo comunque presente il rapporto rischio-beneficio specifico di ogni paziente.

I sistemi di fissazione spinale Instinct sono indicati per la fusione del tratto toracico e lombare in pazienti affetti da malattia degenerativa documentata della colonna vertebrale toracica e lombare, nonché nei casi di ernia del disco, spondilolistesi, fratture, stenosi spinale e deformità della colonna vertebrale quali scoliosi, cifosi e lordosi, forme tumorali, pseudoartrosi o revisione di precedenti tentativi di fusione non riusciti.

Al momento dell'elaborazione della strategia di trattamento del paziente, il chirurgo dovrà tener conto della normale capacità dei sistemi di fissazione spinale Instinct™ in accordo con le conoscenze attuali in materia.

Controindicazioni

Le controindicazioni possono essere assolute o relative. Le patologie riportate di seguito potrebbero ridurre le probabilità di successo dell'intervento:

  • Eventuali anomalie nel normale processo di rimodellamento osseo, incluse, a titolo esemplificativo, osteoporosi grave con interessamento della colonna vertebrale, eccessivo riassorbimento osseo, osteopenia, tumori primari o metastatici che interessano la colonna vertebrale, infezione attiva presso il sito di intervento o disturbi metabolici con ripercussioni sull'osteogenesi;
  • Insufficiente qualità o quantità ossea che potrebbe escludere la fissazione con un dispositivo rigido;
  • Antecedenti di infezione;
  • Infiammazione locale eccessiva;
  • Ferite aperte;
  • Deficit neuromuscolari che comportano l'applicazione di un carico eccessivo sul dispositivo durante la guarigione;
  • L'obesità contribuisce a sottoporre la colonna vertebrale a un carico tale da risultare eccessivo e causare, in determinate occasioni, il mancato fissaggio del dispositivo o il fallimento del dispositivo stesso.
  • Pazienti con copertura tissutale insufficiente presso il sito di intervento;
  • Gravidanza;
  • Condizioni di senilità, malattia mentale o abuso di stupefacenti. Tali condizioni, tra le altre, potrebbero portare il paziente ad ignorare determinate limitazioni e precauzioni necessarie durante l'impiego del dispositivo, con conseguente fallimento dell'impianto o altre complicazioni;
  • Sensibilità da corpo estraneo. Nei casi di sospetta sensibilità ai materiali, prima di selezionare il materiale dell'impianto andranno eseguite le opportune analisi;
  • Qualsiasi altra patologia medica o chirurgica che potrebbe invalidare i potenziali benefici dell'intervento chirurgico, come ad esempio la presenza di tumori, anomalie congenite, conta leucocitaria elevata o una marcata deviazione a sinistra della conta leucocitaria differenziale;