Your web browser is out of date. For the best experience on Zimmer websites please upgrade to the latest version of Internet Explorer, Chrome, or Firefox.

Zimmer, Inc.

Protesi totale di ginocchio Innex®

Descrizione del prodotto

L’introduzione del sistema Innex (da “Innovation Nexus Next Generation”), avvenuta nel 2001, ha segnato una tappa importante nella comprensione delle soluzioni delle particolari esigenze legate al trattamento endoprotesico delle malattie degenerative dell’articolazione del ginocchio.

Il sistema prevede una piastra base mobile, fissa e da revisione. Il legamento crociato posteriore può essere conservato nella versione CR del sistema, oppure resezionato nella versione CS. Il componente di superficie articolare viene pertanto offerto sia nel design congruente che ultracongruente.

Il ripristino dei normali rapporti anatomici tra il femore, la tibia e la rotula, unitamente all’allineamento fisiologico dell’asse, costituisce un fattore decisivo se si desidera trattare i pazienti con successo e con risultati prevedibili e riproducibili.

La fissazione non cementata della protesi totale di ginocchio Innex è garantita dal rivestimento poroso in titanio strutturato spongioso (CSTi™), che vanta un’esperienza di 25 anni.

Il sistema Innex punta a trattare il maggior numero possibile di indicazioni nel campo delle endoprotesi totali di ginocchio, come l’osteoartrite con vari gradi di deformità in varo e in valgo. Ciò è possibile con un numero minimo di componenti e la possibilità di scegliere tra la versione mobile o fissa. La protesi totale di ginocchio Innex si basa su una tecnica chirurgica semplice e modulare. Ciò significa che lo strumentario è compatto e ridotto al minimo. Il chirurgo può decidere la corretta soluzione terapeutica per il paziente in ogni momento della tecnica chirurgica.

Gli impianti dalla forma anatomica, abbinati a uno strumentario logico e preciso, permettono di curare malattie degenerative mediante resezioni con conservazione dell’osso, nonché recuperare appieno la naturale cinematica dell’articolazione del ginocchio.

La protesi totale di ginocchio Innex non è in vendita negli Stati Uniti.

Bibliografia

  1. Munzinger, U. K., Maffiuletti, N. A., Guggi, T., Bizzini, M., Preiss, S., and Drobny, T.: Five-year results of the Innex total knee arthroplasty system. Int Orthop. 2009.
  2. Hochgatterer, R and Boehler, N. TKA with fixed or mobile bearings in the same system: Long-term results with special consideration to the patella. EFORT.Vienna . 2009.
  3. Ref Type: Conference Proceeding

  4. Hauk, C., Heyse, T. J., Witteborn, M. C., Schofer, M. D., Fuchs-Winkelmann, S., and Schmitt, J.: [Matched pair analysis: Innex FIXUC vs. NexGen LPS]. Z Orthop Unfall. 147:183-187, 2009.
  5. Guggi, T, Preiss, S, Sussmann, P, Vonknock, F, Drobny, T, and Munzinger, U. Five-years results of the Innex UCOR total knee arthroplasty. EFORT.Florence . 2008.
  6. Ref Type: Conference Proceeding

  7. Böhler, N., Halder, A., Köhler-Korkor, S., and Hinz, M. Innex 2-year results of a study randomized by type of bearing and patella resurfacing. 2010.

Tipo di riferimento: Lavoro non pubblicato

Opuscolo del prodotto

Technology

 

Gender Solutions®

MIS instruments

La protesi totale di ginocchio Innex è un sistema con conservazione (CR) o sacrificio (CS) del legamento crociato con piatto mobile e fisso, nella versione cementata e non cementata. Con opzione congruente e ultracongruente, indicato nelle malattie articolari degenerative non infiammatorie, come la necrosi vascolare, l’osteoartrosi e l’artrosi secondaria, fino a una serie di malattie e anomalie, nei casi in cui precedenti interventi chirurgici non abbiano risolto il problema del dolore, delle deformità o della disfunzione.

Controindicazioni: condizioni fisiche del paziente che rendano improbabile un ancoraggio adeguato dell’impianto o tendano ad impedire l’uso di un impianto della misura adatta, per esempio un intervento chirurgico pregresso, una riserva ossea qualitativamente o quantitativamente inadeguata a causa di condizioni quali cancro o lussazione congenita, osteoporosi, osteomielite, compromissione neuromuscolare o insufficienza vascolare nell’arto interessato tale da sconsigliare la procedura (per esempio assenza di strutture legamentose o muscolari, artropatia neuropatica) o altre condizioni che possano portare ad un fissaggio scheletrico inadeguato.

Per ulteriori informazioni sulle indicazioni e sulle controindicazioni, consultare il foglio illustrativo del prodotto, riferimento D011 500 239.