Your web browser is out of date. For the best experience on Zimmer websites please upgrade to the latest version of Internet Explorer, Chrome, or Firefox.

Zimmer, Inc.

Protesi totale di gomito Coonrad/Morrey

Coonrad/Morrey Total Elbow

Descrizione del prodotto

Con caratteristiche di flessibilità completa, adatta al singolo paziente, la protesi totale di gomito Coonrad/Morrey non teme rivali dal punto di vista dell’intercambiabilità e del design1,3 e vanta un lungo uso clinico nella cura di pazienti affetti da artrite reumatoide e degenerativa2,5 o che necessitano di ricostruzione articolare in seguito a lesioni traumatiche3,4, nei casi in cui procedure meno radicali non forniscano garanzie.

Ciò che conta sono i risultati. Ed è proprio pensando a ciò che è stato concepito questo prodotto: semplicità d’uso, una migliore fissazione e l’utilizzo di uno strumentario semplice e preciso.

Caratteristiche del design

Compatibilità assoluta con ogni paziente e flessibilità intraoperatoria:

• 12 steli omerali, disponibili nelle lunghezze di 100,150 e 200 mm per le versioni extra-small, small e regular

• 10 steli ulnari – steli anatomici sinistro/destro, disponibili nelle lunghezze standard e lunga, per le misure extra-small, small e regular

La flangia anteriore, unica nel suo genere, favorisce la stabilità di rotazione dello stelo omerale.

Un semplice perno di bloccaggio, composto da due elementi, collega le componenti.

Le flange opzionali di maggiore lunghezza risolvono il problema della perdita ossea distale omerale senza la necessità di un impianto personalizzato.

Lo strumentario e la tecnica chirurgica permettono di ricostruire l’articolazione del gomito in maniera affidabile e riproducibile.

Successi clinici

Nella chirurgia di sostituzione di un’articolazione, la chirurgia di artroprotesi totale d’anca rappresenta il golden standard in termini di successi clinici. In confronto, la protesi totale di gomito Coonrad/Morrey vanta una percentuale analoga di successi, se non maggiore.1,2 Sostenuta da oltre 25 anni di storia clinica,1,3 questa protesi definisce gli standard nell’artroplastica totale del gomito.

Caratteristiche del design

Compatibilità assoluta con ogni paziente e flessibilità intraoperatoria:

• 12 steli omerali, disponibili nelle lunghezze di 100,150 e 200 mm per le versioni extra-small, small e regular

• 10 steli ulnari – steli anatomici sinistro/destro, disponibili nelle lunghezze standard e lunga, per le misure extra-small, small e regular

La flangia anteriore, unica nel suo genere, favorisce la stabilità di rotazione dello stelo omerale.

Un semplice perno di bloccaggio, composto da due elementi, collega le componenti.

Le flange opzionali di maggiore lunghezza risolvono il problema della perdita ossea distale omerale senza la necessità di un impianto personalizzato.

Lo strumentario e la tecnica chirurgica permettono di ricostruire l’articolazione del gomito in maniera affidabile e riproducibile.

 

Successi clinici

Nella chirurgia di sostituzione di un’articolazione, la chirurgia di artroprotesi totale d’anca rappresenta il golden standard in termini di successi clinici. In confronto, la protesi totale di gomito Coonrad/Morrey vanta una percentuale analoga di successi, se non maggiore.1,2 Sostenuta da oltre 25 anni di storia clinica,1,3 questa protesi definisce gli standard nell’artroplastica totale del gomito.

Coonrad/Morrey Total Elbow Graph

Bibliografia

  1. Morrey BF, Adams RA, Bryan RS. Total replacement for post-traumatic arthritis of the elbow. J Bone Joint Surg. (Br). 1991;73-B(4:) 607-612.
  2. Morrey BF, Adams RA. Semiconstrained arthroplasty for the treatment of rheumatoid arthritis of the elbow. J Bone Joint Surg. 1992;74-A(4): 479-490.
  3. Morrey BF, Adams RA. Seimiconstrained elbow replacement for distal humeral nonunion. J Bone Joint Surg (Br). 1995;77-B:67-72
  4. O'Driscoll SW. Prosthetic elbow replacement for distal humeral fractures and nonunions. Op Tech in Orthop. 1994;4(1):54-57.
  5. Gill DR, Morrey BF. The Coonrad/Morrey total elbow arthroplasty in patients who have rheumatoid arthritis. J Bone Joint Surg. 1998;89(9): 1327-1335.
  6.  

Guide correlate alle tecniche chirurgiche